Articoli Minori

 

La Cabala

e la Numerologia Magica

 

NUMERI

I numeri sono nel mondo ed il mondo è nei numeri.

La Cabala

Il significato metafisico dei numeri

La smorfia napoletana

 

 

 

 

 

 

La Cabala

CANDELABRO EBRAICO

La Cabala Ebraica nacque all'indomani della Diaspora, anche se cominciò a diffondersi in modo meno occulto solo a partire dal XII sec. in Francia ed in Spagna. Essa si basava sull'interpretazione mistica dei testi della Torà, i primi cinque libri della Bibbia.

Il nome Qabbalah in ebraico significa dottrina ricevuta, tradizione.

Ad ogni nome veniva associato un numero ed ad ogni numero un significato metafisico.

Si dice che nel mondo ci sono solo 36 cabalisti e che, tramite la Cabala, essi possano operare dei prodigi. Infatti, qualsiasi nome, con il suo suono, può produrre delle vibrazioni nel nostro spirito tali da provocare eventi soprannaturali.

Addirittura, chi conosce il vero nome di Dio, pronunciandolo, può provocare prodigi e miracoli. Ci sono nomi che provocano vibrazioni buone e nomi  che provocano vibrazioni cattive. Il cabalista sa cambiare il nome alle persone, quando questo, per colpa del nome dei genitori, sia causa di vibrazioni cattive.

La Cabala associa ad ogni nome un valore numerico e tale valore numerico ha una valenza ed una vibrazione metafisica.

Se vogliamo cercare una vera origine della Cabala, noi la troviamo all'esterno dell'Ebraismo, in Pitagora di Samo (588-500 a.C.) e la sua scuola  numerologica di Crotone.

 

La Tavola di Pitagora

X 1 2 3 4 5 6 7 8 9
1 1 2 3 4 5 6 7 8 9
2 2 4 6 8 10 12 14 16 18
3 3 6 9 12 15 18 21 24 27
4 4 8 12 16 20 24 28 32 36
5 5 10 15 20 25 30 35 40 45
6 6 12 18 24 30 36 42 48 54
7 7 14 21 28 35 42 49 56 63
8 8 16 24 32 40 48 56 64 72
9 9 18 27 36 45 54 63 72 81

 

Già ad i tempi di Pitagora si era finiti per associare ai numeri un significato trascendente. Per tale motivo, la numerologia pitagorea è madre della Cabala Ebraica.

La Cabala Ebraica, a sua volta, ha generato la Cabala Esoterico-Occultistica e la Smorfia Napoletana. La prima è usata dagli esoteristi e dagli occultisti.

La seconda, invece, è a mero uso dei popolani, che, in base ad esperienze oniriche e fatti non ordinari del vissuto quotidiano, ricavano i numeri da 1 a 90 da giocare a Lotto e, da qualche tempo a questa parte, all'Enalotto.

La Cabala sia nella sua originaria esistenza ebraica sia nella variante cristiana è un cifrario di conoscenze occulte, che sono espresse dalla simbologia dei numeri.

Indice Documento

 

 

 

 

 

 

Il significato metafisico dei numeri

I numeri sono infiniti, ma, da quando usiamo le cifre arabe da 0 a 9, sono questi dieci simboli a creare gli infiniti numeri. Esiste una simbologia da 0 a 9 detta semplice o essenziale, mentre la simbologia dei numeri superiori a 9 è detta complessa o plurima.

Inoltre, i numeri si dividono in pari e dispari. I numeri pari sono multipli di 2, i dispari no.

Altra importante distinzione è tra i numeri primi e secondi

I numeri primi sono numeri speciali, perché possono essere divisi solo per se stessi e per il numero 1. Sono magici.

Numeri primi da 0 a 9

0

1

2

3

5

7

I numeri si distinguono pure in finiti o interi, frazionali o fratti e incommensurabili.

I numeri finiti sono interi, ovvero, sono unità intere. I numeri frazionali sono numeri che non rientrano nell'unità. Numeri speciali sono gli incommensurabili come il P greco e il numero neperiano e. Essi rappresentano l'irrazionale che sta alla base del mondo reale.

Simbologia Essenziale

La simbologia essenziale riguarda i dieci simboli, che servono per creare tutti gli altri numeri: 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9.

Partiamo dal numero 0, che ci può far fare molte riflessioni. Il "soffio", nel suo significato arabo, nacque in India nei primi secoli dopo Cristo. Fu conosciuto dagli Arabi al tempo del Califfato, quando l'impero islamico si estendeva fino all'Indo. Lo 0 è molto importante, perché è un numero vuoto ed è stato una vera rivoluzione nella numerologia di origine greco-romana, molto di più degli altri simboli da 1 a 9, che con il soffio sono giunti in Occidente grazie agli Arabi.

Tale numero non era presente nella civiltà occidentale originaria, perché è frutto della filosofia indiana e della sua concezione di microcosmo e macrocosmo.

Dal punto di vista della conoscenza esoterico-occultistica e cabalistica, lo 0 è un vero e proprio rompicapo. Esso rappresenta il Caos Primigenio, che c'era prima della creazione di tutte le cose e che conviveva prima del tempo con il numero 1, il Padre di tutti i numeri pieni. Insomma, prima del tempo e della creazione, per lunghi eoni esistevano solo questi due numeri: 0( il Caos Vuoto) ed 1( Dio che ha generato tutte le altre cose, tutti gli infiniti numeri). C'è stato un tempo in cui anche infinito (¥) "viveva" dentro il numero 1.

Poiché essi convivevano, il numero 1 è il suo opposto, ciò, che per primo lo ha sempre riempito. Esso rappresenta Dio Onnipotente.

Il numero 1 è l'Unico, da cui nascono tutti gli altri numeri. Esso è l'Uno Plotiniano.

Il numero 2 simboleggia, invece, la Creazione, la nascita della dualità, la separazione tra la luce e le tenebre, la separazione tra le forze del bene e le forze del male.

Esso rappresenta anche la Seconda Persona della Trinità, che prima della nascita dei numeri già viveva nel numero 1.

Il numero 3 indica la Perfezione e la Terza Persona della Trinità, che, prima della nascita dei numeri già viveva nel numero 1.

Il numero 4 rappresenta il mondo fisico, la materia, che è nata dalla volontà dello Spirito dell'1. Indica quante sono le stagioni, gli elementi fisici antichi( Terra, Aria, Acqua e Fuoco) e i punti cardinali. È l'unico numero che è somma e prodotto di un altro numero per se stesso: il 2. Infatti, 2 + 2 = 4 e 2 x 2 = 4. Mentre il 2 rappresenta la dicotomia nel mondo spirituale,

il 4 rappresenta quella tra mondo fisico e mondo spirituale.

Il numero 5 rappresenta l'essere umano. Insieme al numero 1 e 2, è l'unico numero semplice per il quale dividendo qualsiasi numero si hanno o interi o decimali finiti. Esso ha parte dell'intelligenza del numero 1 e del numero 2.

Il numero 6 rappresenta il patto di alleanza tra Abramo e Dio. Costituisce il numero delle punte della Stella di Davide. Al tempo stesso, però, esso è il numero delle forze del male, in quanto è il prodotto della Trinità per la Separazione( 3 x 2). Ripetuto tre volte, nella formulazione 666 indica l'Anticristo o Grande Bestia dell'Apocalisse di Giovanni.

Il numero 7 rappresenta la Creazione, i giorni della Genesi, rappresenta le virtù ed i vizi capitali, rappresenta il numero di bracci del Candelabro Ebraico, che si accende prima del Sabato. Rappresenta il popolo eletto dal Signore.  Si tratta di uno dei numeri più magici.

Il numero 8 rappresenta l'Incarnazione del Verbo di Dio, ma anche la Vergine Prescelta per metterlo al mondo.

Il numero 9 rappresenta il Regno di Dio, i cori angelici, il Paradiso, tutto ciò che ruota intorno alla Divinità.

Simbologia plurima

È difficile descrivere tutti gli infiniti numeri, che vanno a comporsi con l'unione dei numeri essenziali. Inoltre, una cifra composta va letta nel suo significato, a partire dalla cifra precedente secondo la direzione di lettura.

Ad esempio, 42 si legge attraverso il 4 ed il 2 è il numero di accompagnamento.

Se le cifre fossero più di due, la gerarchia parte sempre dal numero che precede gli altri.

Ad esempio, 10456 ha 1, 0, 4, 5 e 6 che vanno secondo il seguente ordine di importanza

1

0

4

5

6

Si tratta di un significato composito derivato dal modo in cui si succedono i numeri.

Nel caso del nostro esempio abbiamo Dio + Caos Vuoto + Mondo Fisico+ Uomo+ Alleanza. Ciò significa: "Dio ha creato il mondo fisico ed ha posto l'uomo al centro dello stesso. Una visione un pò antropocentrica, ma ricavata dalla numerologia

In genere, però, i cabalisti trovano il significato in un modo diverso. Infatti, essi si limitano a ridurre la simbologia composita a simbologia essenziale. Come?

Semplice, prendendo l'esempio abbiamo 1+0+4+5+6= 16= 1+6= 7

Il numero 7, come abbiamo visto in precedenza, simboleggia il popolo eletto.

Inoltre, la Cabalistica Tradizionale associa ai nomi dei numeri predefiniti, un pò come vedremo più avanti nella profana Smorfia.

Tale associazione è ricavata dalla Torà, dalla posizione, che nell'antico testo ebraico ha una parola o un verbo quando compare la prima volta.

Alcuni numeri composti ed il loro significato

10

Rappresenta il tempo prima del tempo, ciò che c'era prima che Dio creasse ogni cosa.

77

Rappresenta la Chiesa Cattolica, che ha esteso l'Alleanza di Abramo ai gentili, facendo dei battezzati figli adottivi di Abramo.

382

Il concepimento del Figlio di Dio in Maria.

Il parto virginale.

666

L'Anticristo.

999

La Parusia.

21252

Gesù Nazareno è Vero Dio e Vero Uomo.

123895

Gesù Nazareno è il Messia.

Indice Documento

 

 

 

 

 

 

La smorfia napoletana

 NAPOLI DI GIORNO

Una derivazione molto folcroristica della Cabala Ebraica risulta essere la smorfia napoletana, legata all'antico Gioco del Lotto.

Essa associa a cose e persone uno o più numeri( ambi, terni, quaderne e cinquine) da 1 a 90 giocabili su 1 o più Ruote del Lotto( attualmente sono 10: Bari, Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia). 

Tali numeri vengono ricavati soprattutto dall'interpretazione di sogni e, in secondo luogo, con l'interpretazione di fatti straordinari del vissuto quotidiano.

L'interpretazione dei sogni è l'attività principe del giocatore del Lotto a Napoli, in quanto l'attività onirica notturna è considerata, secondo una tradizione popolare ascendente ai tempi della Magna Grecia, premonitrice di eventi futuri.

Quando il sogno è stato particolarmente strano, il giocatore, di prima mattina, prende la sua Smorfia da sotto il comodino e dagli elementi del sogno, che più sono risaltati alla sua memoria, ricava i numeri da giocare.

Esempi tratti dalla Smorfia

Cosa

Numero Corrispondente

Ragazza-ze

90

Villaggio

16

Via-Vie

39

Lord

22

Maschio-schi

68

Maritozzo

9

Mariuolo

40

Pace

27

Cazzo

27

Polipo(pesce)

12

Polipo(malattia)

2

Carabiniere-ri

60

Carabiniere in pattuglia

77

Fica

6

Casa-se

59

Casa bella

8

Casa brutta

90

Amanti

13

Amanti nel letto

73

Anime del purgatorio

6

Gonzo-a

70

Addirittura, quando compaiono in sonno propri defunti, il bravo giocatore napoletano interpreta la visita del suo caro estinto o dei suoi cari estinti( casomai ne fossero più di uno) come un aiuto dall'oltretomba*, che tenendo fede ai legami di sangue, va al di là del tempo e della morte stessa. Insomma, soprattutto quando sei in difficoltà economiche e ti compare in sonno la buonanima di tua madre o di tuo padre, se sei di Napoli, la prima cosa che pensi è che ti voglia aiutare in qualche modo. La tradizione vuole, però, che i morti non possano comunicare i numeri del Lotto da giocare in modo palese, perché gli è fatto divieto.

In effetti, l'Oltretomba si trova in una dimensione atemporale, dove presente, passato e futuro coincidono: un defunto, per tale motivo, riesce a vedere pure l'estrazione del Lotto dell'anno 10250, casomai a quell'epoca esista ancora tale gioco.

Fin dai tempi antichi, la Negromanzia, l'interpellazione delle anime dei morti per farsi predire il futuro, è stata vietata, appunto perché, a differenza della Chiromanzia e della Cartomanzia, i morti veramente vedono il futuro!!!

I morti, però, a Napoli, eludono il divieto di comunicare certe cose ai vivi. L'escamotage consiste nel fare certe cose e dire certe cose in modo calcato durante il sogno del parente, in modo che se le ricordi quando è sveglio.

Tali cose, però, devono prestarsi ad una doppia interpretazione tramite la Smorfia, una volta che il parente si sia svegliato. Se interpreta le cose giuste e ricava i numeri, che il morto effettivamente voleva comunicargli, vincerà al Lotto. Se interpreterà in modo sbagliato i fatti del sogno fatto, perderà. Insomma, deve rimanere l'alea del caso, perché nessuno può mettersi al posto di Dio

Quando non si interpretano i sogni, i napoletani preferiscono usare la Smorfia per interpretare fatti strani o che, comunque, hanno fatto scalpore nella comunità locale o nazionale: si va dal vecchio che ha fatto atti osceni in luogo pubblico agli attentati dell'11 settembre, dagli amanti di Castrilli alla persona che è diventata matta ed ha fatto una strage familiare, dal prete che si è spogliato per fuggire con l'amante all'omosessuale che ha molestato qualche ragazzino ed è stato picchiato selvaggiamente dalla folla, ecc...

A Napoli amiamo dire quando succede qualche fatto non ordinario: "Chiste so' nummere!!"("Questi sono numeri!!!). Ovviamente da giocare a Lotto, dopo aver decriptato i fatti e le cose tramite la Smorfia.

Ultima risorsa del vissuto napoletano sono particolari persone, che danno i numeri.

Si tratta degli assistiti. L'assistito è una persona, uomo o donna, giovane o anziana, che è dominata dagli spiriti e che dice cose( talvolta, dice proprio i "numeri" che gli vengono a mente) o fa cose in presenza di chi gli va a cercare i numeri da giocare.

Il giocatore, quando torna a casa, prende la Smorfia ed in base a quello che è successo in presenza dell'assistito e ciò che è stato detto dallo stesso ricava i numeri da giocare. Come per i defunti, però, l'ispirazione dell'assistito deve essere ambigua, perché deve essere il giocatore a trovare i numeri giusti, appunto perché nessuno può mettersi al posto di Dio.

Infine, l'assistito può aiutare gli altri a vincere al Lotto, ma non può giocare i numeri, che vede, perché, se lo fa, non usciranno( non saranno estratti).

Note

*Non sempre quando un defunto viene in sonno è per dare i numeri. Quando è da poco tempo morto, la tradizione popolare vuole che la sua sia una richiesta di aiuto.

Che tipo di aiuto? Preghiere. Messe in suffragio della sua anima.

Infatti, la Religione Cattolica vede nell'Oltretomba la presenza oltre che del Paradiso e dell'Inferno di un'altro spazio chiamato Purgatorio. Chi ha studiato la Divina Commedia di

Dante Alighieri dovrebbe saperlo benissimo.

Le anime di quel posto sono anime purganti, che espiano i loro peccati terreni.

La loro permanenza in tale luogo può essere accorciata tramite il nostro aiuto: le nostre preghiere. Se poi si tratta di una S. Messa in suo suffragio vale anni ed anni di Purgatorio. I defunti napoletani sanno benissimo questa nostra tradizione e, durante le loro visite notturne, a coloro che li hanno amati in vita, lanciano il loro SOS: il bravo napoletano, che ci tiene per i suoi defunti, va in Chiesa e fa dire al parroco una o più Messe in suffragio. 

Altro caso di morti che non danno numeri è quando il sognatore stesso è anziano o gravemente ammalato.

Se durante una grave malattia ti vengono in sogno tua madre o tuo padre, forse, vuol dire che ben presto li raggiungerai. Non ti preoccupare, però, perché quando sarà la tua ora, verrà uno di loro a prenderti per portarti in un posto dove non si muore mai.

Indice Documento

 

 

 

 

 

Articoli Minori

©Copyright 2000- 2015 -  Vincenzo Pisano - All Rights Reserved